Pelle ipersensibile o acneica al sole

Come scegliere la giusta protezione solare se la tua pelle ha esigenze particolari


La pelle ipersensibile e la pelle acneica richiedono una protezione speciale dai raggi solari.

Alcuni tipi di pelle hanno bisogno di attenzioni speciali quando si espongono al sole: la pelle ipersensibile o tendente all’acne richiedono prodotti solari con caratteristiche particolari per rispettarne le esigenze specifiche, così da evitare di peggiorare situazioni già delicate.
Ecco come prendersi cura di questi tipi di pelle al sole.

Se hai la pelle ipersensibile

La pelle ipersensibile è una pelle che manifesta una reattività ancora più pronunciata della pelle sensibile e un’accentuata vulnerabilità nei confronti delle aggressioni esterne.

La pelle ipersensibile può essere una condizione costituzionale, ma non è rara anche in situazioni di particolare disidratazione e fragilità cutanea, dovute ad esempio a trattamenti dermoestetici superficiali, come laser, peeling e luce pulsata.

Chi soffre di dermatite atopica, una patologia dermatologica frequente in età infantile, ma che in base agli studi osservazionali interessa un numero crescente di adulti, mostra un grado di reattività paragonabile se non maggiore a quello della pelle ipersensibile.

Tra i diversi fattori che possono scatenare reazioni come arrossamenti, bruciore ed eritemi ci sono i raggi ultravioletti UVA e UVB , quindi l'esposizione al sole è un tema particolarmente delicato per questo tipo di pelle. D’altra parte, alcuni ingredienti utilizzati in generale in tutti i prodotti cosmetici e quindi anche nei protettivi solari, possono risultare poco tollerati.

Se la pelle è sensibile/ipersensibile o iper-reattiva, dunque, la prima importante accortezza è quella di preferire protettivi solari privi di sostanze, ovvero formulati senza profumo, senza conservanti e senza altre sostanze che possano causare intolleranze e allergie.

La seconda accortezza consiste nella scelta di solari che, tra le diverse fasce di protezione disponibili, rientrano nella protezione alta (SPF 30; SPF 50) o molto alta (SPF 50+), ricordando che l’SPF è il numero che esprime la capacità protettiva nei confronti dei raggi UVB, gli ultravioletti con attività pro-infiammatoria e infatti responsabili dell’eritema solare.

Pertanto, anche se in base al fototipo si potrebbe optare per una protezione media o bassa, in caso di pelle sensibile, è opportuno utilizzare i prodotti con SPF alto o molto alto e in grado di offrire una protezione ad ampio spettro,  ovvero sia nei confronti dei raggi UVB che verso gli UVA, altrettanto coinvolti nei danni cutanei.

La protezione solare ad ampio spettro prevede l’impiego combinato sia di filtri UVA che UVB, ingredienti regolamentati a livello di Unione Europea. Ciò significa che nei protettivi solari sono autorizzati un certo numero di filtri e solo in precise concentrazioni (rif. Regolamento (CE) n.1223/2009, Allegato VI).

I filtri solari sono sostanze che filtrano, cioè impediscono il passaggio delle radiazioni UVA o UVB, secondo un meccanismo che può essere di assorbimento, caratteristico dei filtri organici oppure di riflessione/diffusione, tipico dei filtri minerali (biossido di Titanio).

Tutti i filtri autorizzati sono sicuri per l’impiego, tuttavia alcuni filtri di tipo organico possono risultare meno tollerati in caso di iper-reattività cutanea.
Pertanto, in caso di pelle ipersensibile, possono essere più adatti protettivi solari formulati esclusivamente con filtri di tipo minerale. Per il viso in particolare può trattarsi di protettivi in versione colorata in cui oltre al biossido di Titanio sono presenti pigmenti minerali, indicati quando si desidera minimizzare imperfezioni cutanee ed eventuali discromie della pigmentazione.

In genere il fototipo di una persona è lo stesso in tutto il corpo, quindi per ogni zona esposta al sole può essere adeguato lo stesso prodotto. Nondimeno bisogna considerare che alcune parti del corpo non sono abitualmente esposte al sole o sono comunque più delicate. È quindi consigliabile un solare con SPF maggiore ad esempio per il naso, le labbra e le orecchie, meglio se in stick,  pratico e sicuramente resistente all’acqua.

Se hai l'acne

Anche se le manifestazioni acneiche sembrano ridursi per effetto del sole, il miglioramento è solo temporaneo e, al contrario, l'esposizione incauta può peggiorare le cose.

Il sole "asciuga" la pelle, che sembra meno grassa, e ha un effetto di contenimento della proliferazione batterica, inoltre le imperfezioni vengono mimetizzate dall'abbronzatura, così in apparenza l’effetto è positivo.
In realtà però i raggi ultravioletti e in particolare gli UVB, quelli più presenti durante l’estate, acutizzano i processi infiammatori che sono alla base dell'acne, che di frequente si ripresenta in modo più vistoso nella stagione autunnale.

Senza contare poi che l’esposizione ai raggi solari induce nella pelle diversi meccanismi di difesa, tra i quali, oltre alla formazione di melanina, un ispessimento cutaneo – ipercheratinizzazione -  riconosciuto come fattore correlato alla formazione di comedoni soggetti a infiammarsi e a trasformarsi in papule e pustole.

In caso di pelle seborroica a tendenza acneica non si deve rinunciare a prendere il sole, ma è importante utilizzare una protezione solare con fattore di protezione molto alto cioè con SPF 50+  perché, indipendentemente dal fototipo, è necessario contrastare il più possibile l’azione pro-infiammatoria dei raggi UVB.

Inoltre i protettivi solari per la pelle a tendenza acneica sono formulati per contrastare la cheratinizzazione e regolare la produzione di sebo e testati non comedogeni, così da non favorire la formazione dei punti neri.

Se vuoi saperne di più sulla pelle a tendenza acneica e su come trattarla leggi i nostri articoli:
Acne: che cos’è e come puoi combatterla 
Acne: il make up un alleato prezioso

Anche la pelle ipersensibile o acneica può godere dei benefici del sole, ricordando che per il benessere della pelle, oltre al protettivo solare adeguato, basta seguire pochi ma essenziali accorgimenti per l’applicazione e la corretta esposizione.


Vuoi saperne di più?

Fai una domanda ai nostri esperti

Tutti i prodotti BioNike delle linee TRIDERM, DEFENCE e PROXERA sono formulati per ridurre i rischi di intolleranza e sono adatti alle pelli sensibili. Sono infatti Nickel Tested, SENZA conservanti, SENZA profumo, SENZA glutine, e realizzati con ingredienti rigorosamente selezionati e controllati.

Ti consigliamo comunque di consultare il tuo farmacista e/o il tuo dermatologo che possono consigliarti al meglio.

Lo sapevi che?

La ricerca BioNike ha sviluppato la gamma di prodotti per la protezione solare DEFENCE SUN che garantiscono una tripla fotoprotezione:

  • difesa contro i danni a breve termine con il sistema filtrante UVA-UVB
  • difesa contro i radicali liberi generati dai raggi Infrarossi – IR.
  • difesa dai danni biologici a lungo termine, grazie al “PRO-REPAIR Complex”

Questo esclusivo complesso è basato sull’azione sinergica di Niacina, associazione brevettata Beta-Glucano/L-Carnosina e Vitamina E, per stimolare le naturali difese biologiche della pelle, contrastare l’azione dei radicali liberi e la fotoimmunosoppressione e rafforzare i meccanismi naturali di protezione e riparazione del DNA cellulare.